Il centro di ricerca inglese sull’ artrite inventa il suo assistente virtuale personale con IBM Watson.

Milioni di persone in tutto il mondo convivono con l’artrite…Ma cos’e’ l’artrite veramente? L’artrite è in realtà  e’solo una parola usata per descrivere l’infiammazione delle articolazioni associata con oltre 200 condizioni muscolo-scheletriche che colpiscono tutte in modo differente. Questo significa che le persone che cercano informazioni sulla loro condizione on line, si sono spesso  imbattute in una raffica di letteratura sull’argomento, e di consigli che non affrontano i loro sintomi individuali.

Screen Shot 2017-03-17 at 11.38.07

“Sappiamo che ci sono milioni di persone nel Regno Unito colpite dall’artrite, la cui vita è fortemente limitata. Vogliamo fare in modo che tutti abbiano accesso alle informazioni ed al supporto individulae necessario, quando e dove ne hanno bisogno “, ha detto il CEO di Arthritis Research UK Liam O’Toole in un comunicato. “Siamo davvero entusiasti di lavorare con IBM Watson su questo innovativo servizio che ci permetterà di avere conversazioni con chiunque sia alla ricerca di aiuto,  a cui semplicemente non saremmo in grado di rispondere così in fretta altrimenti. Siamo sicuri che questo nuovo assistente virtuale aiutera’più persone a scoprire in che modo  curare l’artrite che sta limitando la loro vita.  ”

Considerando il dolore articolare e la  destrezza limitata nelle loro mani, molte persone con esperienza di artrite, si aspetta che ci sia  un’opzione che eviti lorola necessità di digitare le parole necessarie a scoprirne i contenuti on line.

C’è un piano per questo. IBM Watson computing impara da ogni interazione per perfezionare lo strumento di reperimento delle informazioni per ogni utente, e, infine, lo strumento sfrutta le caratteristiche di ingresso e uscita della  voce cognitive Watson (così come i servizi di localizzazione) per capire le domande e rispondere correttamente attraverso  l’assistente virtuale.

“Arthritis Research UK ha sviluppato personalmente l’ assistente virtuale Watson fornendo un esempio formidabile di come,  IBM cloud  e IBMWatson stiano facendo cognitive computing ampiamente accessibili anche alle organizzazioni ed ai singoli individui in tutto il mondo,” Cameron Brooks, direttore IBM europea per Watson nel settore pubblico, ha detto in un comunicato. “Inoltre, l’uso di Arthritis Research UK di API Watson è un modello per le organizzazioni a pensare a come si potrebbe integrare il cognitive computing nei loro servizi al fine di avere un impatto positivo sulla vita delle persone che vivono con una condizione di salute seria come questa.”

Annunci

Un pensiero su “Il centro di ricerca inglese sull’ artrite inventa il suo assistente virtuale personale con IBM Watson.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...